Umberto Piezzo, Sacrifici pasquali (4 disegni)

Autore:PIEZZO UMBERTO

N. - M. :Portici, 1957

Tecnica:Matita su carta

Misure:70 x 50 cm

Anno:1975

Classificazione: Figure, Altre Tecniche, Figurativi, Moderni

Note Critico - Biografiche

PIEZZO UMBERTO

Portici, 1957

 

 

SACRIFICI PASQUALI:

Venditore ambulante di frattaglie

Disegno di Umberto Piezzo del 1975 "Venditore ambulante di frattaglie"
Piezzo Umberto, disegno su carta 70×50 cm del 1975 “Venditore ambulante di frattaglie”

 

Natura morta pasquale

Disegno di Umberto Piezzo del 1975 "Natura morta pasquale"
Piezzo Umberto, disegno su carta 70×50 cm del 1975 “Natura morta pasquale

 

Venditore erotico di mammelline di vitella

Disegno di Umberto Piezzo del 1975 "Venditore erotico di mammelline di vitella"
Piezzo Umberto, disegno su carta 70×50 cm del 1975 “Venditore erotico di mammelline di vitella”

 

Vendita mistica di suvenir cristiani

Disegno di Umberto Piezzo del 1975 "Vendita mistica di suvenir cristiani"
Piezzo Umberto, disegno su carta 70×50 cm del 1975 “Vendita mistica di suvenir cristiani”

 

Piezzo Umberto, cenni biografici

 

Piezzo Umberto ha frequentato il Liceo Artistico di Napoli con i professori Mario Persico e Claudio Lezoche.

La sua prima personale risale al 1972 a Portici. Nel 1973 presenta, sul tema rapporto uomo-natura, una mostra dibattito a Milano presso la Galleria Guastalla.

Nel 1974 si interessa attivamente di teatro. A Foggia organizza due mostre che prendono spunto da una serie di suoi testi sui suoi rapporti con il tempo, tra passato e presente.

Nel 1975, nell’ambito teatrale, organizza una serie di interventi in costume, dei quali due a Roma con otto collaboratori, una a Firenze dal titolo Il libertino e l’omosessuale, ed uno a Napoli, con tre collaboratori, dal titolo Incontro tra personaggi per una metamorfosi sessuale.

Del 1976 sono una serie di opere presentate a Napoli sul tema I diavoli.

Nel 1977 produce un ciclo di opere sul tema Rapporti tra un libertino del Settecento e la Napoli del suo tempo, presentata a Napoli presso la Galleria Serio.

Lo stesso ciclo di dipinti, arricchito con altri, viene presentato nel 1978 a Castrovillari e a Viterbo.

Nel 1982 e 83 partecipa all’Expò di Bari e nell’ottobre del 1983 tiene una personale alla Galleria Il Torchio di Modena.

Da allora i successi si moltiplicano in tutta Italia. Da venti anni circa non dipinge più, essendo a tempo pieno restauratore presso il Museo di Capodimonte a Napoli.

Le sue opere sono rarissime. Vittorio Sgarbi, al Maurizio Costanzo Show lo ha definito come il giovane artista italiano più interessante.

 

 

 

 

 

MarcianoArte, galleria d’arte e cornici, Napoli

Salvatore Marciano

Altre opere dello stesso autore

Richiedi Informazioni

Opera: