Giuseppe Casciaro, Capri 24 agosto 1920

Autore:CASCIARO GIUSEPPE

N. - M. :Ortelle, 1861 – Napoli, 1941

Tecnica:Olio su tavola

Misure:39 x 72 cm

Anno:1920

Classificazione: Paesaggi, Marine, Antichi, Classici, Figurativi, Oli

Note Critico - Biografiche

GIUSEPPE CASCIARO

Ortelle, 1861 – Napoli, 1941

 

Capri 24 agosto 1920

giuseppe casciaro
Giuseppe Casciaro – Capri0

 

Giuseppe Casciaro:

Giuseppe Casciaro, allievo di Lista, Palizzi e Morelli all’Accademia napoletana, ebbe legami di amicizia con Mancini, Michetti e Dalbono, avvertendone l’influenza pur nella personale grafia del colore arruffato (segnatamente nel pastello, la tecnica che predilesse) del suo paesismo naturalistico.

La produzione abbondantissima (oltre 4000 i soli pastelli) e agevolmente reperibile ha mercato nazionale, per tempere e pastelli di qualità, da 2.500.000 lire a 6/8 milioni, raramente oltre per opere d insolito impegno.

I più accurati oli di dimensioni medie e grandi costano da 6/8 a 15/20 milioni. Particolare cautela va posta nell’acquisto dei pastelli più confusi (reperibili a prezzi anche intorno al milione), per i quali esiste un fiorente artigianato della contraffazione.

All’artista è stata dedicata una retrospettiva a Milano (Centro «Cultura e Costume», ottobre 1984). Record d’asta per l’autore: un grande olio del 1917 ha ottenuto 25,3 milioni in una vendita romana del marzo 1992.

Da “IL VALORE DEI DIPINTI DELL’OTTOCENTO E DEL PRIMO NOVECENTO” X Edizione (1992-93), Umberto Allemandi & C. Editore

 

 

biografia:

Giuseppe Casciaro nacque ad Ortelle (Lecce) il 9 marzo 1861. Ebbe come primo maestro di disegno Paolo Emilio Stasi, quindi frequentò l’Istituto di Belle Arti di Napoli, allievo di Palizzi e Morelli. Epigono della Scuola di Posillipo, produsse con una fecondità instancabile, esponendo in Italia e all’estero (Parigi, Bruxelles, Monaco nel 1905; San Francisco nel 1915 ). Insegnò pittura a Elena di Savoia, regina d’Italia. Più volte a Nusco, ospite di alcune famiglie patrizie, vi realizzò circa duecento opere, che gli esperti annoverano tra la sua produzione migliore. Come segno tangibile di affetto e riconoscenza, fu insignito della cittadinanza onoraria nuscana, con delibera consiliare del 31 dicembre 1910. Morì a Napoli il 25 ottobre 1941.

 

 

 

MarcianoArte, galleria d’arte e cornici, Napoli

Salvatore Marciano

Altre opere dello stesso autore

Richiedi Informazioni

Opera: