Encausto

Autore:ORIANI PIPPO

N. - M. :Torino, 1909 - Roma, 1972

Tecnica:Encausto su cartoncino

Misure:50 x 65 cm

Classificazione: Paesaggi, Moderni, Figurativi, Altre tecniche

Note Critico - Biografiche

l'encausto in cornice

PIPPO ORIANI.

Nel 1927 entra in contatto con Fillia e altri futuristi torinesi, con i quali espone alla Mostra Internazionale di Torino del 1928. L’anno successivo inizia la partecipazione sistematica alle mostre del gruppo futurista. Dal 1929 al 1933 è spesso a Parigi, entrando in rapporto con Léger, Zadkine, Kandinskij, Prampolini, ecc. Nel 1932 e nel 1936 è alla Biennale di Venezia, mentre si fanno più sporadici i contatti con il gruppo futurista. L’artista torinese, dal 1969 al 1971, ha adoperato la tecnica della pittura ad encausto. La pittura ad encausto è molto rara e rarissime ne sono le opere sul mercato. Il colore viene mescolato alla cera fusa e passato col pennello o altro strumento sul supporto, per lo più rigido. È una tecnica molto particolare che veniva usata in antica Grecia per dipingere affreschi e proteggerli in tal modo dal caldo e dall’acqua specialmente. Tale tecnica “misteriosa” e laboriosa, è stata abbandonata per secoli, e riproposta con gran successo da Pippo Oriani.

Salvatore Marciano

Potrebbero interessarti anche

Richiedi Informazioni

Opera: