Galleria

In Galleria abbiamo 191 opere d'arte suddivise in tantissime pagine. Scegli l'opera che ti interessa. Sei pronto per metterti in diretto contatto con noi e concludere l'acquisto.

Vai

Le cornici

48 modelli di cornici presenti nella nostra collezione. Sei interessato ad una cornice? Visita la collezione. Potrai contattarci e richiedere maggiori informazioni.

Vai

Le stampe antiche

Il cultore dell’incisione d’epoca può soddisfare il suo particolare e ricercato interesse grazie alle diverse e splendide stampe antiche del XVIII e XIX secolo della Collezione Marciano Arte.

Vai
Titolo: Regata
Tecnica: Acquerello su carta
Misure: 16 x 21 cm
N-M: Napoli, 1885 - 1948
Classificazione: Marine, Antichi, Classici, Figurativi, Altre tecniche.
Prezzo: su richiesta
Richiedi informazioni

Potrebbero piacerti anche:

Nel porto di sera di Villani Gennaro
Olio su cartone di Villani Gennaro
Lucca di Villani Gennaro
Olio su cartoncino di Villani Gennaro
Capri di Villani Gennaro
Olio su tela di Villani Gennaro
Lavandaie al fiume di Villani Gennaro
Olio su cartone di Villani Gennaro

Note Critico - Biografiche

GENNARO VILLANI      (Napoli, 1885 – 1948)

 

All'Istituto di Belle Arti di Napoli Gennaro Villani fu, con Viti e Crisconio, tra i migliori allievi di Michele Cammarano: da quel grande maestro, burbero e solitario, apprese il disegno — che è il fondamento della pittura —, lo studio del vero, la maniera sobria dell'impianto chiaroscurale. E fu caro anche a Gaetano Esposito, col quale ebbe una spirituale affinità nel «sentire» la pittura sopratutto come stato d'animo. A partire dal 1904 — quando iniziò a partecipare alle Promotrici napoletane — e per un quarantennio Villani fu costantemente presente alle più significative manifestazioni d'arte italiane e straniere: Roma, Torino, Rimini, Firenze, Parigi, Monaco di Baviera, Milano, Venezia, Bruxelles, Santiago, Barcellona; nel 1909 fu tra i promotori della prima Esposizione giovanile d'arte di Napoli (collegata al movimento «secessionista», confluito poi parzialmente nel futurismo); nel 1920 succedeva ad Alceste Campriani sulla cattedra di pittura all'Accademia di Belle Arti di Lucca. In precedenza aveva dimorato alcuni anni a Parigi, ove la lezione impressionista se vivacizzò in qualche modo il suo colore non alterò la sua sensibilità cromatica né attinse l'impianto realistico attraverso il quale da tempo era andata caratterizzandosi la sua fisionomia pittorica. Come era accaduto a Casciaro, a Ragione, a Scoppetta, egli trovò sulle rive della Senna un'atmosfera consona al suo spirito — formatosi nel clima di Giacinto Gigante, antesignano dell'impressione e della macchia — e motivi ispiratori capaci di arricchire la sua esperienza e dargli nuove emozioni. E del resto, se nel 1914 non avesse dovuto interrompere la sua permanenza in Francia per lo scoppio del conflitto mondiale, Villani avrebbe già visto schiudersi un avvenire di lavoro intenso e proficuo; già allora stentava a soddisfare le richieste di Montmartre, di Moulin Rouge, di Moulin de la Gallette che quotidianamente gli pervenivano dai mercanti parigini. L'ordito dei suoi dipinti era quello di un impressionismo palpabile, nutrito di esperienze dirette, talvolta acceso e crepitante. Nei suoi paesaggi il sole giocava sugli alberi, sulle case, sulle colline, sul mare, sotto le pergole e sulle tovaglie, sui bicchieri; giocava sull'allegria dell'estate e sulla malinconia dell'autunno. Egli fu il pittore delle armonie velate delle giornate di pioggia; colse la poesia fuggente del mare su cui fluttua l'ombra arabescata delle barche. Notava Roberto Bracco scrivendo di Villani: «Egli ha la capacità dell'estro improvviso e quella della riflessione, ha la facoltà dell'abbozzo rapido e sintetico, del segno pronto e definitivo, dell'accenno lieve e pur vivido ed essenziale, e ha l'opposta facoltà della elaborazione, della finitezza, della compiutezza; estensibile fino alle più delicate sfumature, alle più sottili intenzioni».

(Alfredo Schettini – Cento Pittori Napoletani – So.Gra.Me. Napoli, 1978)

 

 

 

Io non amo le prefazioni. L'opera d’arte si presenti da sé. I «non addetti al lavoro» non entrino. Ma quando si tratta di dare un giudizio degno di fede, su di un artista o di un'opera che stimo, lo faccio ben volentieri; tanto più che è cosa difficilissima. Solo gl'incoscienti e i non addetti al lavoro sogliono aprir bocca in proposito, con la disinvoltura del paglietta e del ciarlatano.

Baudelaire dice che per giudicare la pittura occorre per lo meno aver dimestichezza con i ferri del mestiere. E chi scrive gode di tale familiarità; onde afferma che Gennaro Villani è uno dei pochi pittori veraci che abbia l'Italia, uno di quelli che rappresentarono degnamente il paese alle non facili esposizioni internazionali di S. Francisco, Monaco, Barcellona, Venezia, Bruxelles, del «Salon» ecc.

Villani è il paesista per eccellenza; e sente e tratta la figura come elemento paesistico, vale a dire che per lui la figura non esiste se non ambientata. Infatti, Umberto Boccioni afferma: una figura non esiste fuori del suo ambiente.

La forza del Villani consiste nel dare all'opera volume e colore, cose quasi impossibili a stare assieme, poiché poche volte non si distrussero a vicenda; e il colore, sempre atmosferico, non avrà mai la sua «pura» volgarità. Né il nostro artista ammette la dosa; né regola la luce nello studio: non ha studio. Il paesaggio cambia ogni cinque minuti ed egli lo ama e lo coglie nella sua sintesi atmosferica.

L'Arte è sintesi.

Figure che camminano, cavalli che trottano, vele che vanno, automobili che s'avventano: Villani che dipinge!... e molti pittori compaesani, inetti o in mala fede, che continuano a maltrattare il collega non socio al Circolo Artistico.

Ah! come sarebbe più giusto che si cavassero i cappelli in questa mostra! Come sarebbe ora che si vergognassero i fotografi colorati a 100 lire la copia.

FRANCESCO CANGIULLO

 

 

 

 

Una mostra così ricca e così varia, piena di luce e di vita ben merita il successo ottenuto.

Oltre cinquanta tele popolano l'ampio salone dell'Unione Giornalisti Napoletani; opere di una finezza tutta propria, interessanti ed originali che hanno richiamato e richiamano tutt'ora l'attenzione del mondo intellettuale Napoletano.

Gennaro Villani, alla distanza di un anno, si ripresenta alla ribalta di una mostra artistica generale, dopo avere in silenzio lavorato con fervore ammirevole.

Vi sono in queste opere le tracce indelebili dell'anima dell'artista, del pensatore che imprime in una linea, in una pennellata, in un tono, ora caldo, ora freddo, la sua tecnica robusta, la sua personale caratteristica.

Ho detto innanzi che Gennaro Villani è un taciturno, è un pensatore, è un instancabile lavoratore; e non a torto ho asserito tanto. Egli è un artista fra i migliori della nostra Napoli, che fugge il rumore assordante della vita e brama soltanto il lavoro, soltanto la quiete!...

PIETRO MONTELLA

Nome:
E-mail:


Messaggio:
Invia