Galleria

In Galleria abbiamo 193 opere d'arte suddivise in tantissime pagine. Scegli l'opera che ti interessa. Sei pronto per metterti in diretto contatto con noi e concludere l'acquisto.

Vai

Le cornici

54 modelli di cornici presenti nella nostra collezione. Sei interessato ad una cornice? Visita la collezione. Potrai contattarci e richiedere maggiori informazioni.

Vai

Le stampe antiche

Il cultore dell’incisione d’epoca può soddisfare il suo particolare e ricercato interesse grazie alle diverse e splendide stampe antiche del XVIII e XIX secolo della Collezione Marciano Arte.

Vai

Faccincani Athos Un vaso di gerani e luce a Malcesine

Titolo: Un vaso di gerani e luce a Malcesine
Tecnica: Olio su tela
Misure: 30 x 50 cm
N-M: Peschiera del Garda, 1951
Classificazione: Paesaggi, Marine, Moderni, Figurativi, Oli.
Prezzo: € 1.700
Richiedi informazioni

Potrebbero piacerti anche:

Note Critico - Biografiche

ATHOS FACCINCANI

Peschiera del Garda, 1951

 

Paolo Levi: “È facile affermare che il lirismo intimista e profondo di F. è più realista del realismo convenzionale. Lo dimostrano il suo successo e la sua capacità di farsi leggere ed apprezzare anche dai fruitori d’arte meno sofisticati. È pittura nella quale ci si riconosce: è storia di un tragitto umano, ma anche storia del mondo e del tempo. Dunque di tutti. Un’arte che è colore ed impressione, ma che mai sarebbe stata possibile senza un’attenta meditazione degli spazi ed accostamenti cromatici. Arte apparentemente ingenua, come ingenuo può apparire il terapeuta agli occhi di chi si è perso nei labirinti dell’inconscio.”

Elda Lettieri: “Quelle tele coloratissime e semplici, quel particolare modo di dipingere non poteva passare inosservato. Ho seguito la sua crescita nel tempo, in continua ascesa; il mondo lo ha consacrato artista internazionale. Inglesi, tedeschi, norvegesi, australiani, americani lo amano.”

Cesare Marchi: “F. soffrì da bambino di un soffio al cuore che lo condannò a vivere per molti anni sotto una campana di vetro. A 13 anni, quei torrenti ove il suo cuore malato gli impediva di tuffarsi assieme al compagni, quei campi di papaveri tra i quali gli era vietato correre, lui li dipinse”.

 

 

 

ATHOS FACCINCANI

Ho sempre invidiato i pittori, per l'immediata pubblicizzazione della loro arte. La pittura comunica direttamente con tutti, italiani inglesi tedeschi cinesi ottentotti, non deve cercarsi un traduttore come l'opera letteraria, che lega il suo destino al numero dei palanti l'idioma con cui è scritta. In particolare, ho sempre guardato ai pittori con la livida invidia dell'impotente che ha scarsa dimestichezza coi colori dell'arcobaleno, e ne conosce con assoluta certezza tre, quanto basta per non prendere la multa ai semafori...

"Invidio i pittori" ha scritto Federico Fellini, "carta, matita e tubetti ci colore permettono loro di affermarsi in ogni circostanza. Per loro ci sarà sempre una mela su un tavolo, una valle alla fine d'una passeggiata, e luce finché avranno la forza di aprire gli occhi". Penso che fra tutti gli alunni delle Muse i pittori siano i più candidamente felici, abbagliati da quel perenne lampeggiar d'immagini e di forme nella fantasia, in presa diretta con madre natura, di cui succhiano come api il miele policromo di fiori, piante, acque, cieli, luci ed ombre. Che poi traducono sulla tavolozza in assoluta libertà creativa...

Quale sia la grammatica del trentaquattrenne Athos Faccincani, veronese di Peschiera, tocca agli esperti stabilirlo. Ma non è necessario essere degli addetti ai lavori per capire che l'arte di Faccincani, pittore felice di esistere e di vivere, trasuda ottimismo e gioia da ogni olio e tempera. Nella pittura egli ha trovato la rivincita, morale prima ancora che estetica, sua una fanciullezza infelice. Per l'errore di un medico, che sbagliò la dose di un farmaco, soffrì da bambino un soffio al cuore che lo condannò a vivere molti anni sotto una campana di vetro. Non poteva giocare coi compagni. Come il passero solitario di Leopardi, guardava i giochi altrui. Il forzato isolamento maturò, amaro frutto, una precoce sensibilità. A tredici anni, quei torrenti ove il suo cuore malato gl'impediva di tuffarsi assieme ai compagni, quei campi di papaveri tra i quali gli era vietato correre, lui li dipinse. A memoria, nascosto in cantina, perché sua madre non voleva che perdesse tempo con "quelle stupidaggini"...

Per accontentare la madre per accontentare la madre che, come tutte le madri, sognava per lui una quieta professione borghese, s'iscrisse all'istituto per ragionieri. Si alzava alle quattro, per fare i compiti. Il pomeriggio lo consacrava alla pittura frequentando lo studio del vecchio Semeghini e quando si diplomò a pieni voti e già la mamma trafficava per trovargli un posto in banca, le procurò un altro dispiacere correndo a Venezia, a iscriversi all'Accademia delle belle arti. Per mesi visse d'arte e di panini, cliente affezionato delle più note latterie. Fece il piccolo di bottega a Guidi, a Seibezzi, a Marco Novati. Angelo Gamba lo faceva alzare di buon'ora perché andasse a vedere l'alba. "L'ho vista ieri" si difendeva il giovanotto, cui difettava il cibo, non il sonno. "Ricordati che ogni alba è diversa dalle precedenti" rispondeva il maestro, "non solo perché cambia il giorno, ma perché cambiamo noi".

Dopo una dozzina di levatacce, scrisse alla madre informandola che mai e poi mai sarebbe entrato in banca. Come era possibile stare curvi dietro uno sportello a timbrare assegni avendo gli occhi colmi di gabbiani e d'albe lagunari ?

Athos Faccincani ama la natura nella sua sacra totalità: monti, alberi, insetti. Sdraiato su un prato, indugia a spiare la microscopica vita, fremente fra due ciuffi d'erba o nel salto d'un ruscello. Anima delicata e vagamente panteista, soffre nel vedere la strage di moscerini spiaccicati contro il parabrezza della macchina. Alla corrida, parteggia per il toro, come da bambino parteggiava per il topo. "Vorrei sapere come fanno i topi a mangiare il formaggio senza far scattare la trappola" brontolava il nonno, lungi dall'immaginare che era stato il nipotino Athos a togliere il formaggio. Superfluo aggiungere che stravede per i cavalli e i cani. La prima notte di nozze, nessuno dei due dormì, non per il motivo d'obbligo in tale circostanza, ma perché il cane che da anni dormiva con lui, e per l'occasione era stato rinchiuso nella camera accanto, abbaiava con urla che non avevano più nulla di canino. Gelosia? Tanto che la sposina, persa la pazienza, gridò "O me o il cane". Rispose Athos: "lo al cane non rinuncerò mai. Puoi tornare dai tuoi genitori".

Ma la moglie rimase. Il suo intuito femminile capì che agli artisti bisogna perdonare molte cose, perché danno in cambio cose che i non artisti non ci daranno mai. Guardate i suoi fiori. "Una casa piena di libri e un giardino pieno di fiori" chiedeva al cielo il saggio Confucio. Chi non ha fiori di giardino, appenda alla parete quelli di Athos. Sono eguali, e non appassiscono. Li avesse l'esquimese nel suo igloo, sentirebbe un miracoloso odor di primavera. Anche il figlio — eI sangue no xe aqua — dipinge. Si chiama Mattia, ha cinque anni, e disegna alla Klandinsky, alla Paul Klee. Per un quadretto, prende "una donna", cioè una banconota da cinquantamila. E trova perfino degli acquirenti. Athos comincia ad essere geloso. Lui, a quell'età, non aveva una lira.

 

Cesare Marchi

Nome:
E-mail:


Messaggio:
Invia